Fender Squier Affinity da non sottovalutare

Contenuto a cura di . | Postato il 04-05-2011

Nelle mie collezioni ho sempre cercato di seguire un indirizzo:spendere il meno possibile per avere il più possibile. Questo non per una forma di tirchieria,ma per una serie di motivi:soddisfazione di aver fatto un buon affare, aver acquistato qualcosa che, con qualche modifica non troppo dispendiosa, possa paragonarsi ad un prodotto che costa 10 volte tanto.

E’ il caso delle chitarre Strato e Tele della serie del titolo. Se la scelta è stata fatta con criteri adeguati e di cui vorrei esprimere il mio parere in un’altra occasione, il risultato è scontato e di gran soddisfazione.La serie Affinity,nel caso della Tele, è quella che permette di raggiungere elevata qualità con la sola sostituzione del P.U. al ponte.

Io prediligo i Seymour Duncan STL-1 e 1B,poichè provati una volta a scatola chiusa ed essendomi piaciuti ho continuato su questa strada. Il grosso handicap della sostituzione dei p.u. è quella che bisogna acquistarli senza provarli!! Si possono avere brutte sorprese. Ovviamente tutte le altre marche sono papabili:questioni di gusti e di coraggio.

Se riuscirò ad allegare la foto(dubito,sono imbranato) ho preso in considerazione una Tele normalissima,di buona risonanza e vibrazione da spenta. Amplificata era quel che era visto il prezzo. Su alcune il p.u. al manico non ha bisogno di sostituzione:è morbido senza essere impastato.

Il p.u. al ponte invece……da sostituire subito. Solo così si riuscirà ,sempre se la chitarra costruttivamente è valida, ad avere il suono di una Tele dal prezzo molto superiore. Le meccaniche (almeno sulle mie) mantengono benissimo l’accordatura. Fortuna? La seconda Tele chiamata “FAT” (grassa) ha un p.u. humb. tipo Gibson al manico.A me piace così come è, ma ho in un cassetto un PAF originale: non si sa mai cosa potrebbe diventare dopo la sostituzione:si può suonare Jazz,Blues senza dimenticarsi che con il p.u. al ponte sostituito si ha una vera Tele.

Parlando delle Strato giudico antieconomico la sostituzione dei 3 p.u.Sono sufficienti quelli di “serie” a patto di equalizzarli sulle medie almeno di +2dB,ma è questione di gusti. Nulla vieta la loro sostituzione,con grandi migliorie del suono.Colori,legni,manico e tastiera (soprattutto quelle in acero) sono più che soddisfacenti con una spesa irrisoria e,sapendola “manovrare” bene daranno grandi soddisfazioni, A quel prezzo possono fare anche da soprammobile.

Post Correlati Line6 Pocket Pod
Il Pod è un prodotto ormai conosciutissimo tra chitarristi ed è in grado di produrre dei suoni decisamente di qualità.
Fender Stratocaster Highway
Qualche mese fa mi sono imbattuto nell'acquisto di una chitarra elettrica di facia medio-alta come qualità e ho puntato ad
Breve storia dei primi amplificatori Fender
Nel 1947 Leo fender iniziò la  produzione del suo Mod.1:il Champion 600 e 600Amp.Le caratteristiche erano molto al di sotto
Commenti
  1. jekyrock
    16 agosto 2011

    Ciao Andy…è un’articolo ben fatto anche se sai che la penso un po’ diversamente sulle Squier ma sono opinioni.

    Inserisci una risposta
Lascia un Commento »
Il tuo Nome
Il tuo Indirizzo e-mail
Il tuo Commento
Il tuo avatar nei commenti?
Iscriviti a Gravatar e carica le tue foto gratuitamente! (apre una nuova finestra)